Sintomi

Come spiegato in questo articolo, l’ipoglicemia è un brusco calo della glicemia, ovvero dei tassi di glucosio nel sangue. In pratica un grave calo di zuccheri che può mandare in tilt il corpo. Come tutti i disturbi anche l’ipoglicemia può esser riconosciuta ed affrontata per tempo grazie alla sintomatologia, che necessariamente deve conoscere che è a contatto con persone diabetiche.

Ipoglicemia: i sintomi

Saper riconoscere i sintomi dell’ipoglicemia è importante per poter prestare al più presto il primo soccorso. Nei casi lievi è la persona stessa a rendersi conto ed a curarsi, ma con i bambini o in casi d’ipoglicemia grave la persona necessita dell’aiuto di terzi.

Sintomatologia ipoglicemica:

  • tremore
  • sudorazione
  • confusione mentale
  • vertigini
  • fame improvvisa
  • stanchezza
  • sonnolenza
  • pallore
  • ansia
  • nervosismo
  • aritmia
  • difficoltà nel mettere a fuoco
  • difficoltà nel parlare
  • emicrania
  • problemi motori

Nei casi più gravi il soggetto può avere: convulsioni, svenire e perdere coscienza.

La confusione mentale è senz’altro il primo indizio da rilevare insieme al tremore, all’eccessiva sudorazione, al nervosismo ed alle palpitazioni. Non avendo scorte di glicogeno a cui attingere, il cervello che non viene rifornito di zucchero, e quindi energia per funzionare bene inizia ad inviare segnali che vanno interpretati velocemente. Se l’ipoglicemia non è riconosciuta per tempo può portare il soggetto allo svenimento, al coma ed al decesso.

Non a caso, in base alla sintomatologia si può comprendere cosa stia scatenando l’abbassamento della glicemia, se si tratti di carenza di glucosio nel cervello (effetti neuroglicopenici) o cattiva regolazione ormonale (effetti adrenergici e glucagonici). Vediamo la classificazione:

  • Effetti adrenergici: tremore, tachicardia, nervosismo, sudorazione, pallore, fame, vertigini.
  • Effetti glucagonici: fame improvvisa, nausea e dolori addominali
  • Effetti neuroglicopenici: confusione, ansia, depressione, irritabilità, spossatezza, delirio, letargia, difficoltà di parola, mal di testa, problemi motori, svenimento.

Attenzione: la misurazione della glicemia è sempre fondamentale, specie se si è diabetici perché non sempre i sintomi si manifestano tutti insieme e con la stessa intensità, la sintomatologia ed il modo in cui viene percepita varia da soggetto a soggetto.

Ipoglicemia nei bambini e negli anziani: sintomatologia

Nei bambini l’ipoglicemia, specie quella mattutina, può comportare soprattutto vomito e confusione mentale.

Nei neonati può manifestarsi con: cianosi, sudorazione eccessiva, ipotonia muscolare, sonnolenza e difficoltà di respirazione.

Negli anziani, molto spesso i sintomi dell’ipoglicemia sono simili a quelli dell’ictus.

Ipoglicemia: Hypoglicemia unawareness

Ovvero Ipoglicemia senza sintomi. Vi sono alcuni casi in cui l’ipoglicemia si presenta senza sintomi, in questi casi il paziente può non avere il tempo e la coscienza di agire tempestivamente. Ecco perché è sempre importante avere con sé lo strumento per monitorare la glicemia.

Ipoglicemia: come intervenire

Sai cosa fare in caso d’ipoglicemia? All’avvisaglia dei sintomi occorre intervenire prontamente.

Cosa fare:

  • Per prima cosa occorre misurare la glicemia
  • In caso di sintomi lievi basta mezzo bicchiere di succo di frutta oppure delle caramelle o un cucchiaino di miele o di zucchero.
  • Quindi il soggetto va monitorato, in breve tempo la sintomatologia deve sparire e i valori della glicemia tornare nella norma, se non succede si deve procedere con un’altra somministrazione di zuccheri. Anticipare il pasto, se manca poco oppure fare uno spuntino.

Cosa non fare:

  • ignorare i sintomi
  • rinviare i pasti e stare a digiuno
  • fare attività fisica eccessiva
  • guidare in caso di sintomi
  • esagerare con i farmaci ipoglicemizzanti

Se il soggetto sviene? Chiamare subito il 118.

Il consiglio: se si soffre d’ipoglicemia occorre sempre portare con sé delle caramelle o qualcosa da mangiare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.