Ipoglicemia reattiva

L’ipoglicemia reattiva, conosciuta anche con il nome di post prandiale, è quel fenomeno per cui a distanza di alcune ore da un pasto i livelli di glucosio nel sangue si abbassano bruscamente. Non è detto che chi ne soffra sia necessariamente diabetico e pertanto in questi casi il soggetto può gestire da solo il problema.

Tipologie di ipoglicemia reattiva

Vi sono diverse tipologie d’ipoglicemia reattiva:

Ipoglicemia alimentare, per cui l’apparato digerente si svuota più velocemente del normale, il cibo viene velocemente liberato nel duodeno dando luogo ad un’eccessiva produzione d’insulina che abbassa il livello di glucosio nel sangue. I sintomi dell’ipoglicemia possono presentarsi mezz’ora dopo il pasto o anche nelle cinque ore successive. La causa di questa tipologia d’ipoglicemia è solitamente un intervento gastrico.

Ipoglicemia reattiva idiopatica, dovuta all’iperinsulinismo all’interruzione del glucosio per endovena, a seguito di trasfusione di sangue conservato (accade spesso con i neonati) o nelle terapie con ormoni della crescita.

Come curare l’ipoglicemia reattiva

L’ipoglicemia reattiva, si cura come gli altri episodi d’ipoglicemia ovvero assumendo una dose di 15 gr di zuccheri mentre invece se il soggetto è privo di conoscenza si deve procedere con un’iniezione di glucagone o glucosio.

Come s’individua l’ipoglicemia reattiva

Le crisi ipoglicemiche s’individuano attraverso l’ Oral Glucose Tolerance Test che si svolge effettuando dei prelievi a digiuno, per poi somministrare 75 gr di glucosio e ripetere il prelievo nelle successive due ore.

Sintomi dell’ipoglicemia reattiva

Se trascorse tre ore dal pasto si registrano questi sintomi occorre correre ai ripari:

  • confusione
  • irritazione
  • nervosismo
  • pallore
  • nausea
  • fame improvvisa
  • dolori di stomaco
  • nausea
  • emicrania

Ipoglicemia reattiva: come prevenirla

Come si previene l’ipoglicemia reattiva?

  • Non lasciar correre più di tre ore fra un pasto e l’altro, fare sei piccoli pasti al giorno
  • Condurre una vita meno sedentaria
  • Portare sempre con sé spuntini
  • Scegliere cibi con indice glicemico medio basso e a lento rilascio di energia
  • Non esagerare con dolci ed alcolici a digiuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *