Ipoglicemia in gravidanza

Quando i livelli di glucosio nel sangue scendono, si parla d’ipoglicemia. L’ipoglicemia in gravidanza, come l’iperglicemia, possono rappresentare un serio problema per il nascituro, ecco perché è bene non trascurare il problema. Soprattutto nei casi di diabete è importante che i livelli di glucosio si mantengano nella norma.

Ipoglicemia in gravidanza: cosa c’è da sapere

Quando si parla di valori normali di glicemia, in gravidanza è bene tener conto che il valore può essere inferiore del 20% senza tuttavia che si rischi la crisi ipoglicemica, quindi i valori possono varie da persona a persona e da situazione e situazione. Durante il primo trimestre, in cui nausea e rigetto sono più frequenti non necessariamente si registrano crisi ipoglicemiche.

Ipoglicemia in gravidanza: cause

Fra le cause dell’ipoglicemia in gestazione troviamo:

  • diabete di tipo 1 e 2
  • eccessiva somministrazione d’insulina
  • ipoglicemie pregresse
  • digiuni
  • valori bassi di emoglobina

Ipoglicemia in gravidanza: sintomi

Ecco i sintomi ai quali occorre prestare attenzione se si è a rischio ipoglicemico:

  • confusione
  • tremore
  • stanchezza
  • svenimento
  • palpitazioni
  • vista doppia
  • formicolii
  • mal di testa
  • dolori all’addome
  • sonnolenza
  • sudorazione

Ipoglicemia in gravidanza: i rischi per il feto

In sostanza le crisi ipoglicemiche contenute e prese in tempo, non comportano gravi rischi per il nascituro, ma va da sé che se si presentano traumi durante la crisi o perdita della coscienza e coma glicemico, in tal caso si può essere a rischio di aborto.

Ipoglicemia in gravidanza: cosa fare

E’ molto importante tenere sempre monitorati i livelli di glucosio nel sangue. I controlli glicemici possono evitare complicazioni perinatali e quindi future crisi ipoglicemiche del bambino, patologie e malformazioni.

Per quanto riguarda la terapia insulinica va seguita scrupolosamente e dev’esser adattata alla condizione della gravidanza, difatti dopo il parto le crisi ipoglicemiche possono esser frequenti per via dei bassi livelli di glicemia ed in tal caso la terapia deve essere modificata. Anche nella situazione dell’allattamento possono verificarsi ipoglicemie ed occorre prestare attenzione alla terapia insulinica, assumendo le giuste dosi nei giusti orari.

Nel caso in cui si sia di fronte ad una crisi ipoglicemica occorre prendere una somministrazione di zucchero di veloce assorbimento. In caso di svenimento, ipossia, incoscienza occorre chiamare immediatamente il 118.

E’ importantissimo non saltare i pasti, non saltare la somministrazione dell’insulina, non bere alcolici, non fare attività sportive dopo i pasti e seguire una dieta adeguata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.