Le cause

Un abbassamento improvviso degli zuccheri nel sangue, ovvero la glicemia, è detto ipoglicemia. Si verifica soprattutto nei soggetti affetti da diabete. A seguito di questa carenza di glucosio, il cervello scatena una determinata sintomatologia, di cui abbiamo parlato qui, a cui occorre reagire tempestivamente. Se non lo si fa s’incorre nel rischio di perdere coscienza e che subentri il coma ipoglicemico.

Prevenire è meglio che curare, dunque occorre sapere quali sono le cause dell’ipoglicemia.

Le cause dell’ipoglicemia

Il rapporto fra il paziente diabetico o che soffre di cali di zuccheri ed il tasso di glicemia è molto stretto e basta davvero poco per andare incontro ad uno squilibrio.

Sono molti, ed insospettabili, i casi in cui sono i farmaci ipoglicemizzanti la causa stessa del problema: se assunti in dosi eccessive abbassano bruscamente la glicemia dando luogo a crisi ipoglicemiche.

Fra le altre cause troviamo:

  • Digiuno o saltare e posticipare i pasti
  • Errori nel distanziamento dei pasti
  • Attività fisica senza adeguato apporto alimentare
  • Bere bevande alcoliche a digiuno
  • Errata assunzione dell’insulina
  • Intolleranza al fruttosio o dieta povera di carboidrati

Naturalmente l’ipoglicemia può anche essere legata a patologie pancreatiche, epatiche, squilibri ormonali e causata da tumori insulinici (insulinoma, tumore al pancreas) ed interventi allo stomaco.

L’insulinoma è una delle cause più gravi dell’ipoglicemia ed ha origine nel pancreas, il tumore attacca le cellule beta e causa una sovrapproduzione d’insulina, per scoprire se sia fra le cause dell’ipoglicemia occorre esaminare i livelli di peptide C attraverso le analisi del sangue.

Ipoglicemia: pazienti diabetici e non

Mentre nel caso dei pazienti diabetici, fra le cause dell’ipoglicemia si possono riscontrare l’eccessivo uso di farmaci ipoglicemizzanti, la scorretta assunzione dei pasti o della somministrazione dell’insulina, sono meno difficili da individuare le cause della glicemia bassa nei pazienti non diabetici.

In questo caso si hanno due tipi di ipoglicemia: reattiva e digiunale, la reattiva compare dopo quattro ore dal pasto mentre con la digiunale si verifica un caso di abbassamento della glicemia durante la notte, fra i pasti o dopo l’attività fisica. Nel caso di ipoglicemia reattiva occorre prestare maggiore attenzione, potrebbe indicare un principio di diabete. Nel caso invece di ipoglicemia digiunale, essa può esser indotta da farmaci, malattie croniche, squilibri ormonali o eccesso di alcol.

Cause dell’ipoglicemia nei bambini e nei neonati

Nel caso di ipoglicemia neonatale, le cause sono da riscontrarsi un parto prematuro, in casi di difficoltà respiratorie e ritardo di crescita intrauterino. All’origine vi può essere anche un diabete sviluppato dalla gestante. Nei bambini fra le cause possono esservi: scorretta alimentazione, infezioni che provocano rigurgito e dissenteria, disfunzioni del metabolismo e diabete di tipo 1.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.